Learn the royal path of Ajapa Yoga. Course conducted by Bipin Joshi in Thane. Read more...

Lezione 21 - Samyama e Siddhi

Lezione 21 - Samyama e Siddhi

Nella lezione 20 abbiamo visto il Samadhi e i suoi diversi stadi. Si è visto che praticando Dharana, Dhyana e Samadhi sullo stesso oggetto questo viene chiamato Samyama. La pratica di Samyama porta vari poteri soprannaturali che in sanscrito prendono il nome di Siddhi. Questa lezione spiega la natura delle Siddhi e come queste non siano l'obiettivo finale dello Yoga.

Cosa sono le Siddhi?

Le Siddhi sono poteri psichici o spirituali che vengono raggiunti attraverso Yoga, meditazione, pratiche spirituali o droghe. Ci sono otto Ashtamahasiddhi o gli Otto Grandi Poteri. Poi ci sono dieci Upasiddhi o Poteri Inferiori. Infine ci sono cinque Sudrasiddhi o Poteri Minori.

Classificazione delle Siddhi

Vediamo prima le Ashtamahasiddhi (Otto Grandi Poteri):

  • Anima: Questo potere permette di ridurre il corpo fino alla dimensione di un singolo atomo. Puoi passare attraverso qualsiasi cosa con facilità. Puoi anche assumere la forma di animali, insetti e persino microcosmi (in breve, qualsiasi cosa più piccola di te). Nel Ramayana c'è la storia del dio Hanuman che brucia l'isola di Lanka. Egli utilizzò questo potere per rimpicciolire il suo corpo e fuggire.
  •  Mahima: Questo potere ti permette di espandere il tuo corpo fino a qualsiasi grandezza. Sri Krisna dimostrò questo potere ad Arjuna durante Vishwarupadarshan. Anche Hanuman possedeva questo potere.
  •  Garima: Questo potere ti permette di diventare infinitamente pesante. Nel Mahabharata Hanuman usò questo potere per insegnare una lezione a Bhima.
  • Laghima: Attraverso questo potere puoi ridurre il tuo peso quasi fino a zero. Puoi anche viaggiare facilmente da un posto all'altro con il vento.
  •  Prapti: Utilizzando questo potere puoi ottenere tutto quello che vuoi. Nei testi antichi ci sono riferimenti a piccole quantità di cibo distribuite a migliaia di persone. Diventa possibile grazie a questo potere.
  •  Prakashaya: Questo potere ti permette di portare a te qualsiasi cosa da qualsiasi distanza. Puoi anche ascoltare suoni distanti.
  •  Ishita: Questo potere ti permette di conoscere il passato, il presente e il futuro. Diventi come un dio.
  •  Vashita: Questo è un potere molto grande perché puoi soggiogare qualsiasi cosa nel mondo e puoi comandare chiunque.

Ora vediamo le Upasiddhi (Poteri superiori):

  •  Anurmimatwa: Attraverso questo potere diventi inattaccabile da fame, sete, dolore, lussuria, malattie e morte.
  •  Doorshravan: Questo potere ti permette di ascoltare conversazioni in luoghi lontani. Puoi anche comprendere ogni lingua parlata.
  •  Doordarshan: Grazie a questo potere puoi vedere qualsiasi cosa.
  •  Manojawa: Questo potere consente i viaggi astrali. Puoi viaggiare in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Narada Muni possedeva questo potere.
  • Kamayukta: Questo potere ti permette di assumere il corpo di qualsiasi creatura.
  •  Parakaya Pravesh: Usando questo potere puoi entrare in qualsiasi corpo, vivente o morto. Adi Shankaracharya e Mytsendranatha possedevano questo potere.
  •  Swatchanda Mritu: Usando questo potere si può decidere quando morire. Bhisma possedeva questo potere e lo usò per morire.
  •  Surakrida: Questo potere ti consente di godere della compagnia degli dei.
  •  Sankalpasiddhi: Questo potere ti consente di esaudire qualsiasi desiderio.
  •  Apratihat Ajna: A causa di questo potere gli dei obbediscono ai tuoi ordini.

Infine, i cinque Sudrasiddhi (Poteri Inferiori):

  •  Trikalajana: Il potere di conoscere il passato, il presente e il futuro.
  •  Advandva: la capacità di restare indifferente agli estremi come buono-cattivo, piacere-dolore, caldo-freddo, duro-morbido.
  •  Parachittajana: Il potere di conoscere quello che passa nella mente degli altri, compresi i loro sogni.
  •  Pratishtambha: Con questo potere puoi sconfiggere il fuoco, il veleno, l'acqua gelida ecc.
  •  Aparajaya: Chi ottiene questo potere diventa invincibile. Ci sono inoltre molte altre Siddhi inferiori.

Le Siddhi sono importanti?

La risposta a questa domanda è "sì e no". Le Siddhi sono importanti perché possono testimoniare il tuo progresso nella pratica. Ti permettono di comprendere e sperimentare che la natura non è un vincolo alla vita umana. Le cose soprannaturali sono possibili con l'aiuto dello Yoga. Questo ti dà una grande sicurezza. Puoi quindi realizzare il tuo autentico potenziale nel corpo, nella mente e nell'anima.

Le Siddhi sono un male se utilizzate nel modo sbagliato. Le Siddhi sono come dei condensatori. Se li usi scorrettamente perdono la loro energia. Invece se la stessa energia viene fatta circolare correttamente nel circuito elettrico, ottieni risultati positivi. Ci sono molte storie di saggi che usano le Siddhi in modi sbagliati, ottenendone frutti negativi.
Le Siddhi possono diventare ostacoli per il tuo progresso se usate nella maniera sbagliata. Quindi tutto dipende da come le usi. Se, per esempio, usi la Siddhi del viaggio astrale per tentare una rapina, si tratta certamente di un uso improprio che si ritorcerà contro di te.
Nonostante le Siddhi possano essere utili, non dovrebbero essere considerate il risultato finale dello Yoga. Sono solo dei sottoprodotti della tua pratica. Se le ottieni, bene. In caso contrario non ha importanza. Per enfatizzare questo punto, racconterò una breve storia.
C'era una volta un monaco che viveva in una foresta. Abitava nel suo piccolo ashram circondato da bellissimi alberi vicino a un fiume. L'ambiente vicino all'ashram era calmo, pacifico e tranquillo. Animali, uccellini, farfalle vi circolavano tranquillamente e pacificamente.

Un giorno arrivò un altro monaco. Costruì il suo Ashram vicino a quello esistente. Questo monaco aveva ogni genere di potere soprannaturale. Vedeva l'altro monaco ogni giorno. Egli cominciò a sentire gelosia per lui e il suo Ashram. Egli cercò di invitare animali, uccelli e farfalle nel suo Ashram ma invano. Essi scappavano impauriti. Non riusciva a conquistarli.

Un giorno ordinò alle sue Siddhi di riunirsi immediatamente (anticamente si pensava che ogni Siddhi fosse associata a una dea). Tutte le Siddhi erano davanti a lui. Egli ordinò: "Andate e fate qualcosa in modo che quegli animali giochino nel mio Ashram come in quello dell'altro monaco. Rendete il mio Ashram piacevole come l'altro". Le Siddhi risposero: "Ci spiace, padrone, ma non abbiamo il potere di portarti la pace che desideri. Non possiamo conquistare il cuore degli animali per te. Queste cose sono al di fuori della nostra portata." Il monaco realizzò il suo errore divenne il discepolo del suo nuovo maestro.

La morale della storia è: le Siddhi non sono il punto di arrivo. Sono solo un sottoprodotto della pratica. Non desiderarle. La vita offre molto di più che le Siddhi. Possono essere pericolose per il tuo progresso spirituale. Solo uno Yogi che supera la tentazione di vantarsi delle Siddhi può raggiungere la destinazione finale della liberazione.
Quando uno Yogi raggiunge il Samadhi cosa succede? Come vive la sua vita? È come una persona normale? Nel prossimo articolo della serie cercheremo di rispondere a questa domanda.

La pace sia con te.

 


Bipin Joshi is a software consultant, an author and a yoga mentor with more than 22 years of experience in classical yoga system of India. He is an internationally published author and has authored or co-authored more than ten technology books for Apress and WROX press. He has been awarded as a Most Valuable Professional by Microsoft. He has also written a few Marathi books including Devachya Davya Hati and Natha Sankentincha Danshu. Having embraced yoga way of life he also teaches Kriya and Meditation to selected individuals.

बिपीन जोशी लिखित देवाच्या डाव्या हाती आणि नाथ संकेतींचा दंशु या पुस्तकांची आपली प्रत आजच विकत घ्या. त्यांच्या अजपा योग मार्गदर्शनाविषयी अधिक माहिती येथे उपलब्ध आहे.


Posted On : 15 Feb 2010